Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Grigi, le pagelle contro la Pianese

Non ci sono parole. O meglio, purtroppo ce ne sono ma non si possono scrivere in un articolo per pura decenza. Già, decenza. Proprio quella che non hanno avuto per 95 minuti i giocatori in campo. Non per niente lo stadio si svuota sempre di più. Oggi gli unici salvabili sono stati Celia, Martignago e Valentini.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Valentini 6,5: Salva i Grigi in più occasioni. Senza dubbio il migliore in campo.

Dossena 5: Confuso e con tanti errori.

Cosenza 6: Arriva alla sufficienza stiracchiata. Di certo può e deve far di più e, soprattutto, con più precisione.

Prestia 6: Gioca venti minuti senza errori. Già tanto per la partita che abbiamo visto.

Sciacca 6: Come al solito non pasticcia e fa il suo dovere con tranquillità.

Gilli 5: Tenta di fare il suo compitino ma gli avversari lo bloccano.

Cleur 6: Rientra dalla Nazionale e dimostra di avere qualità tentando anche di sbloccare la gara.

Casarini 6: È costretto ad abbandonare il campo per infortunio. Nel poco almeno fa più degli altri. Il problema è che non corre ma cammina.

Castellano 6: Entra pimpante e tenta di fare il possibile per sbloccarla.

Suljic 6: Primo tempo sotto fino perché chiuso da due avversari, nel secondo tempo però fa il possibile e raggiunge la sufficienza.

Di Quinzio 4,5: Un giocatore della sua esperienza deve giocare meglio. Di certo non è ancora in condizione per partire titolare.

Gazzi 6: Questa squadra non può prescindere da lui. Smista palloni e crea superiorità.

Celia 6: Come sempre è uno dei migliori. Oggi, però, è sottotono come tutti.

Eusepi 6: Rompe le scatole agli avversari. Tenta di giocare, ma se non gli arrivano palle può fare poco.

Arrighini 4: Non gioca.

Martignago 6: Tenta di fare il possibile perché può giocare in ogni posizione in attacco. Vale il discorso fatto per Eusepi.

Mister Gregucci 5: Uno 0-0 contro la Pianese non permette a nessun allenatore di raggiungere la sufficienza. Aveva chiesto di di giocare con cattiveria e grinta. Cose mai viste nel corso della partita.