Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

lunga vita agli al..ticci

altChissà cosa mi è passato per la testa quando ho deciso di dedicare una rubrica al giocatore della settimana. Effettivamente potevo pensarci: ci sarà una settimana in cui nessuno, a tuo parere, si meriterà quelle righe.
Ecco, è arrivata quella settimana. Ma non ho via di fuga, ne una soluzione logica per riparare al vuoto, psicologico e cartaceo.
Quindi racconterò di noi e della nostra trasferta a Lumezzane. Anzi, racconterò di loro e della loro trasferta.
Racconterò dei ragazzi della sezione ALticca, gli unici veri eroi di una domenica da dimenticare.
Come tutti ben sapete causa propaganda online, alcuni giovincelli sempre al seguito dei Grigi si fermano all’autogrill di Ghedi est per una sosta pre partita. A pochi metri dall’autogrill, la lapide di un ultras di vent’anni, mancato due anni fa.
Un signore indiscreto e senza troppe preoccupazioni, ruba alcune sciarpe di squadre italiane e non solo, che erano state poggiate per rispetto e sportività vicino alla lapide.
Questi ragazzi, compresa la situazione, hanno invitato il signore a riposizionare le sciarpe al loro posto: lui abbassando la testa e chiedendo scusa ha obbedito.
Ci sono tanti comportamenti che dovrebbero essere premiati, nonostante i pregiudizi infondati che la gente crea e sentenzia. Ma alle volte non è il comportamento a determinare la genuinità di una persona (uno può spacciarsi per paladino della giustizia perché essere un paladino è sempre gratificante), quanto l’atteggiamento.
Con la loro umiltà e il loro modo di fare così limpidamente spontaneo in poco tempo hanno conquistato tutti. Questo gesto è stato solo la “ciliegina sulla torta”. Lunga vita agli ALticci, ai giovani che portano sorrisi e novità, che vedono il mondo da occhi curiosi e mai preoccupati, che cantano a squarcia gola e senza alcun peso “ti seguo sempre anche se perdi sempre”, perché consapevoli che sotto qualsiasi sconfitta, si nasconde una vittoria.
Ecco i veri top players, ecco i protagonisti della settimana.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *