Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

hurra Castellazzo, il sogno continua

cast 2Play off Serie D

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Il Castellazzo vince a Brunico la gara di ritorno

per 2 a 1 …e il granDe sogno continua!

Mario Marchioni

Ribaltando l’1-0 subito immeritatamente in casa nella gara d’andata contro il St Georgen, il Castellazzo ieri è andato a vincere a Brunico per 2-1, continuando la ‘galoppata’ iniziata contro l’Albese e proseguita a Casale, conquistando così la gara finale nazionale, che sancirà la promozione in serie D.

L’avversaria sarà il Villa D’Almè Valle Brembana (provincia di Bergamo).

“Andremo a vincere in trasferta e ribalteremo il risultato nostro favore – aveva dichiarato il presidente Cosimo Curino al termine della gara persa in casa – perché pur avendo perso abbiamo dimostrato di essere più forti”.

Ed è stato davvero profeta: i ragazzi allenati da mister Lovisolo hanno preso atto delle parole del loro presidente, hanno fermamente creduto nelle loro capacità ed hanno vinto la gara di ritorno a Brunico, andando addirittura in vantaggio per 2 a 0, per la gioia degli oltre 100 tifosi castellazzesi arrivati in Trentino-Alto Adige con un pullman e con molte auto private.

C’è poi stata l’inevitabile reazione dei padroni di casa, ma i ragazzi in maglia biancoverde hanno lottato con ogni forza, dovendo inoltre giocare gli ultimi 20 minuti in inferiorità numerica per l’espulsione di Cartasegna.

Il Castellazzo è partito subito bene, andando in vantaggio dopo solo quattro minuti, con un calcio di rigore decretato dal direttore di gara per un fallo in area di Harraser su Piana, che lo stesso attaccante del Castellazzo ha trasformato con sicurezza, hanno poi contenuto le azioni offensive dei padroni di casa, riuscendo a chiudere la prima frazione di gioco in vantaggio per 1 a 0..

Nella ripresa, al 14’ il Castellazzo riesce a raddoppiare grazie a Clementini (che ha sostituito lo squalificato Rosset), il quale ha ripreso al volo un perfetto cross di Piana, siglando il 2-0. La gioia dei castellazzesi è durata però solo sei minuti: al 20’ arriva il calcio di rigore per il St. Georgen concesso per fallo di Pavanello su Senoner e messo a segno da Piffrater.

Dopo questo calcio di rigore il Castellazzo ha temuto la rimonta dei padroni di casa, ma si è opposta con calma e determinazione ad ogni minaccia offensiva del St Georgen (anche quando è rimasta in dieci per l’espulsione di Cartasegna).

A tre minuti dalla fine della gara il portiere del Castellazzo Basso si è opposto con bravura ad un colpo di testa minaccioso di Orfanello ed in pieno recupero anche ad una conclusione pericolosa di Putzer.

Facendo un’analisi dei 180 minuti giocati, quella del Castellazzo sul St. Georgen è stata una vittoria sicuramente meritata, adesso per i biancoverdi di mister Lovisolo manca solamente il tassello finale, che si giocherà in due gare (andata il 7 giugno e ritorno il 14), contro il Villa d’Almè Valle Brembana.

Il tabellino di St. Georgen – Castellazzo: 1-2

St. Georgen: Pietersteiner, Gatterer, Harrasser, Brugger, Mirri, Senoner, Schwangher, Ritsch (dal 34′ s.t. Putzer), Piffrader, Orfanello (31′ s.t. Philip), Tochterle. Allenatore: Morini

Castellazzo: Basso, Cartasegna, Zamburlin, Molina, Robotti, Della Bianchina, Pavanello (dal 43′ s.t. Cimino), Acrocetti, Merlano (38′ s.t. Pellicani), Clementini (34′ s.t. Parrinello), Piana. Allenatore: Lovisolo

Arbitro: Piacenza di Bari

Reti: Piana (Ca) al 4′ p.t. rig., Clementini (Ca) al 10′ s.t., Piffrader (S) al 20′ s.t. rig.

Ammoniti: Pavanello, Merlano (Ca), Brugger e Senoner (SG)

Espulsi Cartasegna (Ca) al 26′ del s.t. per doppia ammonizione, Pellicani (Ca) e Acrocetti (Ca) a partita terminata, per scorrettezze nei confronti dei giocatori avversari.

cast 1

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *