Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Ruggire – Reagire

[GSM Photo]
[GSM Photo]
Non è stato piacevole ritornare al Piola e finire per rivivere la solita partita, con la solita sfortuna, per la solita maledizione. Ma è proprio da lì dentro che si deve ripartire, ripartire più motivati di prima. Quei novanta minuti ci hanno mozzato le gambe e si sono rivelati più pesanti del previsto, ma continuare a fasciarsi la testa imprecando alla cattiva sorte non porterà di certo lassù. È ora di reagire. Nessuno ha bisogno di conferme riguardo alle nostre potenzialità, se siamo in alto un motivo c’è, non è di certo un caso. Abbiamo sudato per quella posizione e c’è le siamo meritata, ora però bisogna tenercela stretta. E bisognerà reagire contro chi cercherà, ora, di strapparcela via. E Reagire, dopo i mille e passa supporters a Novara sarà davvero, davvero stimolante. Perché nonostante il 2-1, a Novara l’Alessandria ha vinto comunque. Abbiamo, certamente, portato a casa i tre punti a modo nostro. L’Alessandria sugli spalti sarebbe stata imbattibile per chiunque. Cori rimbombanti e scanditi, passione e allegria: l’atmosfera era perfetta. Guardarsi intorno e sorridere nel vedere tutti i compagni d’avventura, tutti gli amici e qualche volto nuovo; cantare tutti assieme, precisi, puntuali; vedere che il lancia-cori faceva un po’ di fatica a gestire così tanti tifosi, era molto suggestivo, era una situazione da altri tempi. Eravamo come un fiume in piena, un fiume di amore, di fede, di grigio. Un fiume che a quel gol è esploso di gioia, è esploso insieme al rancore che da tanti anni ci accompagnava. Un fiume di adrenalina pura. Un fiume a cui il risultato, tutto sommato non importava. Perché ‘solo gli ultras vincono sempre’. C’è da precisare però che Noi della Nord però non abbiamo la necessità di dimostrare niente a nessuno, di ricordare niente a nessuno. Nessuno ha bisogno di conferme, nessuno deve capire chi siamo. Tutto è già stato scritto, tutto è già stato vissuto, tutto è già stato detto. Le emozioni che la gradinata trasmette sono qualcosa di così travolgente da mettere a dura prova anche la compostezza del nostro Di Masi, sempre elegante, moderato. Sono qualcosa di così profondo da commuovere chi le vive a pieno, da mettere i brividi a chi invece le prova per la prima volta. Tante persone per troppe volte hanno cercato di descrivere ciò che si percepisce e, per quanto possa essere esageratamente forte, nessuno ci è mai riuscito perfettamente. Lascio a ognuno di noi, ognuno di voi, il ricordo tutte quelle sensazioni che ci attraversano la mente e il cuore quando siamo al fianco dei Grigi, sottolineando che tra poco, per fortuna, ci ripioveranno addosso tutte quante. Orso, reagisci e ruggisci, noi siamo con te!

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *