Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Orso, se ci sei, batti l’Arezzo!

IMG_1168La Coppa Italia ci regala un sorriso: finalmente una bella vittoria, anche se ottenuta contro un Pavia ampiamente rimaneggiato.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Dopo lo strazio di Bergamo, una bella boccata di ossigeno.

E’ questo, senza dubbio, il momento più difficile di questa prima parte di campionato: la gara contro l’Arezzo, inaspettato protagonista dell’avvio di stagione, rappresenta un impegno da non sottovalutare.

L’Alessandria al Moccagatta è sicuramente più temibile e convincente che in trasferta, ma manca ancora molto per coronare i sogni estivi.

Fino ad oggi, la delusione prevale sui pochi motivi di soddisfazione: non siamo ancora, certamente, tra le protagoniste del girone.

E’ il momento di voltare pagina, di dare un significato ad un campionato sino ad oggi anonimo ed incolore.

Orso, se ci sei, batti un colpo. La classifica, fortunatamente, è ancora corta e sette punti dalla vetta non sono un abisso, ma, d’ora in avanti, non si possono più gettare punti al vento.

Se vogliamo puntare in alto, dobbiamo cambiare mentalità e giocare sempre per vincere, in casa e fuori (nonostante le orride maglie giallo – nere!).

I supportes sono abbastanza delusi, come hanno dimostrato a Bergamo; i vuoti sulle tribune del Moccagatta sono di nuovo troppo ampi. Molti temono già un campionato di metà classifica: questo scetticismo deve essere subito smentito vincendo la difficile sfida odierna.

Basta parole, basta proclami, basta illusioni: adesso vogliamo una squadra vera! Solo così si riconquista l’amore dei tifosi.

Hurrà Grigi

 

Massimo Taggiasco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *