Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Alessandria: sarà il Feralpisalò l’avversario nei playoff

Sarà il Feralpisalò l’avversario nei playoff per l’Alessandria, cosi ha decretato il sorteggio svoltosi stamane a Firenze negli uffici della Lega.
La compagine lombarda ha disputato il campionato di Serie C, girone B, chiudendo il girone al quinto posto in classifica con 60 punti dopo 38 partite giocate frutto di 17 vittorie, 9 pareggi e 12 sconfitte con 54 gol fatti e 46 gol subiti.
L’andamento che ha avuto la squadra allenata da Massimo Pavanel è stato il seguente: in casa 11 vittorie, 2 pareggi e 6 sconfitte; in sei gare giocate non ha mai subito gol mentre in trasferta l’andamento è stato 6 vittorie, 7 pareggi e 6 sconfitte con 23 gol fatti e 28 gol subiti; sono state sette le partite giocate in cui Tulli e compagni non hanno segnato reti.
Il mister Massimo Pavanel è nato a Portigruaro, nel 1967, dal 23 luglio 2020 è sulla panchina del Feralpisalò.
La gara di andata si giocherà domenica 30 maggio in Lombardia  e il ritorno sarà mercoledì 2 giugno al “Moccagatta”.
Gli altri quarti di finale saranno:  Renate-Padova, Avellino-Sudtirol e Albinoleffe-Catanzaro.
La vincente del match tra Feralpisalò e Alessandria affronterà la vincente del confronto tra Albinoleffe-Catanzaro, con il match di ritorno sul campo della vincente tra Feralpisalò e Alessandria.
Prima del sorteggio ha parlato il Presidente della Lega di Serie C Francesco Ghirelli che ha dichiarato, come riportato da TuttoC.com: “Siamo nella fase finale dei playoff. Mi dispiace per coloro che sono usciti e auguro a chi ce l’ha fatta di arrivare fino in fondo. E’ stato un playoff combattuto e dal 2 giugno si aprirà al pubblico grazie alle ordinanze del Governo. Avremmo voluto si aprisse già dal 30 maggio ma non abbiamo ricevuto deroghe. Potremo comunque assicurare gioia con questi playoff. Mi auguro grandi emozioni in questa fase finale. E’ stato un lavoro difficile quest’anno, ma speriamo che il finale ci riconsegni gioia: è ciò che tutti noi vogliamo, per poter tornare in una vita normale“.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner