L’ALESSANDRINO CLAUDIO BRAGGIO FINALISTA PER LA SEZIONE CINEMA AL PREMIO INEDITO/IL CAMALEONTE

Torino – Da quindici anni il Premio nazionale InediTO – Colline di Torino, curato dall’associazione Il Camaleonte di Chieri è un punto di riferimento culturale importante n Italia per quanto concerne le opere inedite in lingua italiana, con l’obiettivo di valorizzare nuovi autori ed è l’unico nel suo genere ad essere dedicato a tutte le forme di scrittura, dalla narrativa alla poesia, dal teatro al cinema ed alla musica.
La prima ardua prova per i sempre numerosi partecipanti è quella del giudizio sulle opere del Comitato di lettura che ha deciso i finalisti, quest’anno formato dalla poetessa e musicista Valentina Colonna, dalla scrittrice Valentina Malcotti anche su «sulromanzo.it», dallo scrittore Simone Vittorini, dall’attrice Angelica Calliope Tafuro, dal cantante e scrittore Valerio Vigliaturo, presidente de Il Camaleonte e direttore del Premio InediTO.
Le speranze del finalista per il Testo cinematografico, lo sceneggiatore alessandrino Claudio Braggio che concorre con una sceneggiatura ambientata nel Monferrato, sono riposte nell’autorevole giuria a cui spetta la designazione finale e che quest’anno è formata dai registi Gianluca e Massimiliano De Serio, dall’attore Diego Casale dei Mammuth di «Zelig Circus», dalla sceneggiatrice e docente della Scuola Holden Sara Benedetti, dallo scrittore Gabriele Cecchini vincitore Premio InediTO 2015.
Il premio è presieduto dal 2014 dal poeta Davide Rondoni e per tradizione consolidata annuncia i vincitori in occasione del Salone Internazionale del Libro di Torino, essendo inserito nell’ambito della manifestazione Il Maggio dei libri promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e ha ottenuto in queste edizioni il contributo e l’alto patrocinato del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; il contributo e il patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Torino diventata Città Metropolitana di Torino e dei Comuni delle Colline di Torino coinvolti nell’iniziativa.
Naturalmente vi sono altrettante autorevoli giurie per le altre sezioni in gara, in cui spiccano esponenti della cultura e dello spettacolo di grande notorietà come ad esempio fra gli altri la scrittrice Margherita Oggero e la scrittrice e vice presidente di Film Commission Torino Piemonte Antonella Frontani per la sezione Romanzo, lo scrittore Luca Ragagnin per la sezione Racconto, il regista Michele di Mauro per la sezione Teatro, il cantante e musicista Morgan per la sezione Testo Canzone.
Un altro alessandrino, Danilo Grasso di Casale Monferrato, attende il giudizio della giuria per la sezione Poesia, formata dai poeti Isabella Panfido, Gianfranco Lauretano, Valentino Fossati, Marco Pelliccioli e Carola D’andrea.
La proclamazione dei vincitori avverrà a maggio nella veste prestigiosa del Salone Internazionale del Libro di Torino, mentre la premiazione si svolgerà attraverso la rassegna di reading dedicata ai vincitori in alcuni comuni aderenti all’iniziativa.
Senz’altro verranno coinvolti ospiti di fama nazionale, come in passato è accaduto per Franco Branciaroli, Arrigo Lora Totino, Eugenio Finardi, Alessandro Haber, Laura Curino, Francesco Baccini, Gipo Farassino, Arturo Brachetti, Rita Marcotulli, Luciano Biondini, Giorgio Conte, Saba Anglana, Flavio Oreglio, David Riondino, Fabio Troiano, Ettore Bassi, Gnu Quartet, Sara D’Amario e Marc Augè.
Di particolare interesse anche il Comitato d’onore del Premio, che conta Flavia Cristiano (direttrice “Centro per il Libro e la Lettura” MIBAC), Sergio Chiamparino (presidente Regione Piemonte), Mauro Laus (presidente consiglio Regione Piemonte), Antonella Parigi (assessore cultura Regione Piemonte), Piero Fassino (sindaco Città di Torino e presidente Città Metropolitana di Torino), Maurizio Braccialarghe (assessore cultura Città di Torino), Barbara Ingrid Cervetti (delegata cultura Città Metropolitana di Torino), Claudio Martano (sindaco Chieri), Laura Pompeo (assessore cultura Moncalieri), Giulia Mazzoli (assessore cultura Chivasso), Roberto Ghio (vice sindaco Santena), Antonio Maria Marocco (presidente Fondazione CRT), Vincenzo Ilotte (presidente Camera di Commercio Torino), Giancarlo Gonella (presidente Legacoop Piemonte), Paolo Messina (direttore Biblioteche Civiche Torinesi), Luca Beatrice (critico d’arte, presidente Circolo dei Lettori Torino), Alberto Destro (presidente Centro di Poesia Contemporanea Bologna), Enzo Restagno (musicologo), Andrea Cenni (editore «Torino Magazine)

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento