Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Cissaca Bulls ancora sul podio a Biella

bulls a biellaUna vera e propria maratona cestistica quella di domenica scorsa alla palestra Rivetti di Biella. Dieci ore senza soluzione di continuità per la tappa dello Special Basket dedicata al 3vs3 tradizionale ed unificato. In campo 22 squadre provenienti da 4 differenti regioni per un totale di 38 partite. Numeri importanti per la disciplina tipica dei playground nella quale i Cissaca Bulls si trovano decisamente a loro agio sin dal loro esordio nel lontano 2001 in occasione del mitico “Pallozza” di Novi Ligure.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Nel basket tradizionale dopo gli incontri preliminari girone a 6 per i Tori che nei quarti incontrano gli avversari di sempre del Pandha Torino. Solita partenza a rilento per Kondi e soci che ingranano solo dopo la prima metà di gara. Fishta migliora la propria percentuale al tiro e contribuisce al successo finale con un bottino personale di 11 punti: +15 e testa subito alla semi-finale contro i padroni di casa dell’Asad. Inizio devastante per i lanieri che, nel giro di 4 minuti, si portano sul 10 a 0. A coach Petrozzi non resta che chiamare un time-out per tentare di rimettere in piedi una situazione critica. Maggiore determinazione sui rimbalzi offensivi e soffocante marcatura a uomo: la ricetta per costruire una rimonta che permette ai mandrogni di chiudere sul 20 a 12 con un parziale di 20 a 2 che non lascia spazio a repliche.

Finalissima contro il Malnate Sport che, sulla scorta delle partite precedenti, promette di essere particolarmente equilibrata. Dopo una breve fase di studio si entra subito nel vivo. Il match si deciderà sotto i tabelloni: il duello nel pitturato tra Bragato e Cozza è avvincente, ma la grande fisicità del centro lombardo incide sul numero dei falli dei Bulls costretti ad usare le maniere forti per cercare di limitarne la vena realizzativa. Il quarto “personale” di Bragato manda in lunetta i lombardi sotto di 1 a 20 secondi dalla sirena. Capiello li mette entrambi e porta il Malnate in vantaggio. Resta un ultimo possesso per cercare di conquistare l’oro nel tradizionale per il terzo anno consecutivo, ma la conclusione di Kondi è corta e condanna i Bulls a salire sul secondo gradino del podio.

Non c’è tempo per le recriminazioni. Si parte con l’unificato che prevede la compresenza in campo di due Atleti e di un Partner. Senza particolari patemi gli ottavi e i quarti che vedono gli alessandrini prevalere con relativa facilità su Vivere Sport Blu e Cuore Matto Torino. Anche la semifinale contro il Vivere Sport Bianco, dopo un inizio un po’ tentennante, arride ai cissachini che chiudono con un confortante +8. L’ultima gara di giornata si disputa contro la Polisportiva Sole di Lissone arrivata all’atto finale della manifestazione senza conoscere la sconfitta: la presenza nel roster di Lorandi e Pollastri, entrambi a Los Angeles ai Mondiali Special Olympics, racconta di un team molto tosto da affrontare. Punteggio altalenante e molti errori al tiro da parte di entrambe le squadre. Stasio, ben assistito dal partner Ugaglia, fornisce un’ottima prestazione e costringe l’ala Lorandi al 5° fallo. Non bastano due over-time per stabilire il vincitore assoluto: il comitato organizzatore decide allora di premiare entrambe le formazioni con un primo posto ex aequo.

I Bulls, che tornano a casa con un argento e un oro, continuano la preparazione in vista del Trofeo “Campioni allo Specchio” di Torino del prossimo aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *