Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Tris di vittorie a Pino

Bulls a Pino HGA partire dalla stagione 2015/2016 lo Special Basket diventa nazionale. Il campionato, giunto alla 13a edizione, valica i confini abituali per diffondersi su tutta la penisola. Oltre all’Area nord-ovest, dove giocano i Tori, il concentramento nord-est e quello del centro-sud per un totale complessivo di più di 50 squadre suddivise in gironi omogenei per il basket tradizionale e quello unificato.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

I Cissaca Bulls sono chiamati a replicare le prestazioni eccezionali della passata stagione nella quale hanno conquistato ben 4 ori, salendo sul gradino alto del podio in ogni categoria. L’esordio di domenica scorsa nella tappa di Pino Torinese conferma le aspirazione dei mandrogni che si godono un bel tris di vittorie nel basket unificato. Nel primo match di giornata al PalaFolis Fishta e compagni, che sfoggiano le nuove divise marchiate Guala Closures, partono subito forte contro i padroni di casa di Vivere Sport Blu raggiungendo un vantaggio in doppia cifra all’intervallo lungo. Occasione ghiotta per schierare anche le seconde linee che non deludono le aspettative portando a casa la vittoria con un convincente +8. Decisamente più probante l’impegno contro il Vivere Sport Bianco che schiera il bronzo europeo Matteo Tamagnone, alfiere della nazionale italiana ad Anversa 2014. Sostanziale equilibrio nel primo quarto con il centro Bragato ancora troppo poco preciso nel colorato. A far pendere la bilancia a favore dei Bulls l’ingresso in campo di Samantha Scioscio: il parziale positivo di 5 a 0, confortato dall’ottimo lavoro in post basso di Stasio, indirizza la partita verso il secondo successo di giornata.

Il terzo match contro la Polisportiva Spezzina, new entry dello Special Basket, rappresenta un’incognita. Dopo una fase di studio nella quale prevalgono le difese, l’incontro entra nel vivo verso la fine della seconda frazione di gioco. La zona 2-3 dei Bulls non serve a limitare la vena realizzativa dell’ala Anton Liesli che mette a referto 14 punti all’intervallo lungo portando i liguri a -2 dai mandrogni. Al rientro in campo Coach Petrozzi opta per una “box and one” con Fishta a uomo sul miglior realizzatore avversario. La soluzione tattica sembra dare buoni frutti in fase difensiva, ma le percentuali in attacco calano drasticamente permettendo agli spezzini di mettere la testa avanti. Scioscio segna il canestro del -1 e, a 30 secondi dalla sirena, Bragato subisce fallo in entrata e si conquista la possibilità di tirare a cronometro fermo. Serve un 2 su 2 e il pivot alessandrino (14 punti a referto per lui) non tradisce le attese. È necessario difendere forte per l’ultimo possesso avversario: tiro da fuori, secondo ferro e rimbalzo di Canuti che gestisce gli ultimi 9 secondi mettendo in ghiaccio la partita. Un vittoria allo scadere da condividere anche con Tessino, Pravatà, Kondi, Salice e i partner Buzzi e Ugaglia.

Prossimo appuntamento domenica 13 marzo a Biella per il campionato 3vs3, tradizionale ed unificato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *