Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Di Filippo: “Un’Arena per tornare atleti”

Nuova struttura per Fisioanalysis Mædica di Alessandro Trisoglio

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

È un vulcano in continua eruzione. Incapace di spegnersi, impossibile da spegnere.

Luigi Di Filippo (Gigi per gli amici, quorum ego, e la cosa mi inorgoglisce alquanto!) è inarrestabile.

Da quando è arrivato in Alessandria, facendone il centro della sua attività professionale, reduce da esperienze bolognesi e torinesi, il suo centro fisioterapico è divenuto il punto di riferimento imprescindibile per tutti gli sportivi (e non).

Dalla prima sede, fronte piscina scoperta, in riva al Tanaro, quasi subito divenuta troppo angusta, fino alla importante struttura odierna di Via Piave 87, dove Gigi e i suoi collaboratori, pezzo per pezzo, hanno dato vita a Fisioanalysis Mædica, centro di fisioterapia, vero e proprio fiore all’occhiello per la nostra città.

L’ultima perla è stata aggiunta di recente, con grande inaugurazione lo scorso 15 febbraio, alla presenza di amici, pazienti (che inevitabilmente diventano amici) e ospiti d’eccezione: uno fra tutti, Alessandro Cattelan, uomo di spettacolo ma anche di sport, che spesso si è rivolto a Fisionalysis per ritrovare forma e prestazioni.

Si tratta dell’Arena: una struttura voluta per aggiungere un tassello importante, a volte fondamentale, tra il momento in cui i vari protocolli riabilitativi hanno raggiunto i loro obiettivi e il rientro vero e proprio all’attività, che può essere sportiva, ma anche lavorativa o segnare semplicemente il ritorno a normali condizioni di vita. Perché non è necessario essere un campione dello sport per ricorrere alle cure di Gigi e del suo staff.

“Ottimizzare il recupero psicologico e funzionale dell’atleta e del paziente a tutti i livelli – spiega il dottor Di Filippo – ricercare, ritrovare e/o, laddove sia necessario, ridefinire nuovi pattern (schemi, modelli) di movimento altamente performanti e specifici, curando non solo la biomeccanica e la forza in tutte le sue forme ma anche il controllo neuromotorio e la paura di un nuovo infortunio, anche attraverso sedute con tecniche avanzate di neurotraining, grazie all’utilizzo delle più sofisticate tecnologie. Una vera e propria Area di Analisi, Retraining e Riatletizzazione su pavimentazione con un manto d’erba sintetica di ultima generazione e di pavimentazione multisport indoor”.

Racconta con entusiasmo Gigi i suoi occhi trasmettono tutto il suo orgoglio e la sua soddisfazione per quest’ultima creazione.

“Serviva qualcosa – prosegue nella sua spiegazione – per chiudere il cerchio del percorso riabilitativo e riconsegnare lo sportivo, amatoriale e non, alle proprie attività abituali in piena sicurezza. Questo momento è sempre stato uno dei più critici dell’intera riabilitazione. Ecco perché in Fisioanalysis Mædica abbiamo pensato, progettato e realizzato Arena. Il suo motto è “Return to sport” e la dice lunga sugli obiettivi. Arena nasce per soddisfare proprio questa necessità, intervenendo a supporto del paziente in spazi appositamente studiati e creati con il contributo di tecniche e tecnologie all’avanguardia. Un luogo in cui la terapia riabilitativa diventa allenamento propedeutico e funzionale alla riatletizzazione in cui lo stimolo neuro-cognitivo e il supporto psicologico diventano fondamentali.”

Ha promesso che la fase di crescita della struttura di Fisioanalysis Mædica si arresterà qui, a quest’ultima realizzazione, ma non credetegli. Gigi è un vulcano perennemente attivo e questo tipo di promesse generalmente non le mantiene.

Foto: La Stampa