Grigi, le pagelle contro l’Olbia

I Grigi hanno fatto vedere contro l’Olbia a Gregucci tutti i problemi. Specialmente in difesa. Il mister dovrà lavorare da domani mattina. E tanto. Specialmente sull’aspetto mentale perché questa squadra non merita certe prestazioni.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Valentini 6: Non ha colpe sui tre goal. Anzi, una colpa ce l’ha: fidarsi dei suoi difensori. Alcune uscite degne di nota.

Sciacca 6: Il migliore in campo della difesa. Lotta come pochi e spinge la sua squadra. Sempre preciso e puntuale negli interventi.

Prestia 5: Troppo pochi i minuti giocati. Però non entra nel modo giusto. Pasticcia troppo.

Cosenza 4,5: Se la difesa crolla è anche perché lui non è in giornata. Troppo nervoso.

Dossena 5: Potrebbe e dovrebbe fare di meglio. Anche perché ci ha abituati a ben altre partite.

Eleuteri 6,5: A centrocampo comanda. Se serve passa in difesa. I suoi cross sono precisi e vanno sempre a buon fine.

Suljic 6: Dovrebbe dettare i ritmi di gioco ma passa più tempo a difendere. Tutto sommato abbastanza bene.

Di Quinzio 5,5: Non regge ancora tre partite in otto giorni. Alcuni errori che da un giocatore come lui non devono essere compiuti.

Celia 7: Il solito motorino sulla fascia sinistra che macina chilometri e crossa in area. È suo il cross per Casarini che ha sbloccato la gara.

Casarini 7,5: Un grande giocatore. Quando è in forma si vede. Segna un goal di pregevole fattura.

Chiarello 6: Ha diverse occasioni per segnare ma per sfortuna non riesce mai a concretizzare. Fa salire la squadra e quando serve difende.

Gazzi 6,5: Gioca poco ma a centrocampo detta i tempi di gioco.

Eusepi 8: Due goal di pregevole fattura tra cui il suo centesimo goal tra i professionisti.

Arrighini 6,5: Quasi sempre in ritardo nel primo tempo. Nel secondo tempo cambia carattere e gli manca solo il goal.

Sartore s.v.: Entra e non tocca un pallone, quasi come se l’Alessandria giocasse in 10.

Mister Martini 5: Non riesce a far fruttare il doppio vantaggio dei suoi ragazzi. Si prende un rosso evitabile.