Grigi, le pagelle contro la Pro Patria

I Grigi tornano da Busto con un solo punto in più in classifica. Una partita noiosa in cui sembrava che la palla non volesse entrare in nessuna porta. Da sottolineare due prestazioni: quella eccellente di Cambiaso e quella deludente di Eusepi.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Valentini 6,5: Perfetto. Nega sempre la gioia del goal a Kolaj. Precisissimo e puntuale nelle uscite.

Prestia s.v.: Deve lasciare il terreno di gioco per un problema muscolare dopo una decina di minuti.

Dossena 6,5: Sfiora il goal al novantesimo. A sinistra blocca sempre gli avversari.

Cosenza 6: Al contrario dei suoi compagni di reparto lui ha un paio di incertezze che sarebbero potute costare care ai Grigi.

Sciacca 6,5: Come sempre è un giocatore che può giocare in più posizioni. Inizia a sinistra e poi, quando esce Prestia, passa a destra. Sempre in anticipo sugli avversari.

Cambiaso 7: Oggi passava dalla linea della difesa fino all’area avversaria facendo salire la sua squadra e lottando come pochi altri. Tutte le occasioni avute dall’Alessandria sono avvenute grazie ai suoi cross.

Castellano 6,5: Ispirato. Ci mette lo zampino in tutte le azioni. E gli riescono.

Suljic 6: Il suo compito era di fare il guerriero e l’ha fatto smistando palloni ma limitandosi al compitino. Le prime partite dava più soddisfazioni.

Gilli 6,5: Entra ed ha poche occasioni però si fa notare per la sua velocità e la sua lettura di gioco.

Chiarello 6: Un buon primo tempo. Poi si spegne nel secondo.

Gerace 6,5: Ormai tutti sappiamo che Gerace in Serie C è destinato a durare poco. In campo sembra che la palla vada sempre dove c’è lui. Ma è normale data la sua lettura di gioco. Non è il migliore in campo solo perché non gioca tutta la partita.

Celia 6: Passa buona parte della gara a difendere. Serviva.

Cleur 6: Una buona prestazione prima di partire per la Nazionale. Serviva ed ha tardato la sua partenza per aiutare i suoi compagni.

Eusepi 4,5: Corre. Ma null’altro di più. Un giocatore del suo calibro deve entrare in campo con la voglia di segnare, quella voglia che abbiamo visto contro il Novara. Altrimenti è meglio la panchina.

Arrighini 6,5: Cerca di sfruttare i suggerimenti di Cambiaso ma Tornaghi gli nega sempre la gioia del goal. L’unico attaccante ad avere fame in campo.

Mister Scazzola 6,5: Ha la panchina corta e doveva rinunciare a Casarini e Gazzi. Dopo 10 minuti perde Prestia. Portare a casa un pareggio a reti inviolate non è cosa da tutti.