Grigi, le pagelle contro il Lecco

Era da sempre considerato la bestia nera per i Grigi eppure oggi il Lecco è stato battuto con un sonoro 2-0 firmato Riccardo Chiarello che ha consegnato lo scettro del primo posto alla squadra di Mister Scazzola.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Valentini 7: Questa volta il portiere grigio sfodera tutte le sue capacità con alcuni interventi decisivi che sono dei veri capolavori. Da 560 minuti la sua porta è inviolata.

Sciacca 7: Multitasking. Fino all’ingresso in campo di Dossena gioca come difensore poi passa a fare l’esterno di centrocampo senza far notare alcuna difficoltà.

Cosenza 7: Da quando c’è lui la difesa funziona alla perfezione, con chiunque abbia in fianco. Trasuda esperienza ad ogni giocata.

Prestia 6,5: Mezzo punto in meno dei suoi compagni in difesa per via del giallo. Per il resto una grande prestazione, del resto i Grigi non prendono goal da 560 minuti.

Cambiaso 6,5: Il giovane talento alessandrino non finisce di stupire per le sue giocate. Mezzo punto in meno per il giallo.

Cleur 6,5: Una grande partita (la sua prima da titolare) giocata in un ruolo che non sarebbe il suo. Dai suoi piedi nascono molti suggerimenti per i suoi compagni di squadra.

Dossena 6,5: Entra in campo con la cattiveria necessaria per gestire il risultato e non fare sconti agli avversari. Non sbaglia un colpo come se fosse un cecchino di precisione.

Suljic 7: Gazzi non c’è da qualche partita ma l’ex Cuneo non ne fa sentire la mancanza. Guida il centrocampo come se fosse un giocatore abituato a giocare in categorie molto più alte.

Chiarello 8: Una doppietta che significa primo posto. Non importa se il Monza giocherà domani sera. Il merito di questa vittoria è tutto suo.

Celia 6: Tanta corsa e tanta cattiveria. Il Lecco dalla sua parte fatica a passare. Mezzo punto in meno per il giallo.

Gilli 6: Il giovane di scuola granata entra in campo con decisione e sfodera alcune giocate di pregio. Troppo pochi i minuti giocati per dargli una valutazione più ampia.

Eusepi 7: Passa più tempo a mordere e fare il cattivo piuttosto che a cercare di fare goal. Un giocatore di esperienza come lui, però, può permettersi di farlo per aiutare la squadra.

Arrighini 7: Oggi più che mai i suoi assist sono stati fondamentali.

Mister Scazzola 7,5: Squadra che vince non si cambia? Sbagliato! Si cambia in qualche punto e si continua a vincere. Non vuole guardare la classifica ma, forse, ora è il momento che lui guardi dove è arrivato il capolavoro che, insieme ad Artico, ha costruito.