Il calcio per la legalità nel ricordo di Mario Cerciello Rega

“Insieme per la legalità in campo e nella vita”. È la frase che rende il senso di una giornata di confronto con i giovani e in ricordo del vicebrigadiere, Mario Cerciello Rega, a due mesi dalla scomparsa.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

“Il 25 settembre diventa la giornata della legalità e del coraggio- ha spiegato Francesco Ghirelli, Presidente Lega Pro- che portano alla riflessione e alla condivisione dei valori. Il calcio è uno strumento per lanciare un messaggio forte.
Volevamo venire nel luogo dove è nato Mario Cerciello Rega col nostro modo di declinare il pallone a messaggi positivi”.

Un lungo applauso è stato tributato alla famiglia del vicebrigadiere, ai fratelli Paolo e Lucia presenti in teatro.

La prima parte della giornata ha visto il convegno al teatro Summarte di Somma Vesuviana con oltre 300 studenti che hanno rivolto a istituzioni e Forze dell’Ordine domande sul tema della legalità.

“L’augurio che faccio, a voi govani- ha detto Francesco Cirillo, Presidente Comitato Etico Lega Pro- e’ che la passioni guidi sempre la vostra vita. Un esempio per tutti è la passione che Mario Cerciello Rega metteva nel lavoro e in tutto ciò che faceva”.

Nel corso dell’incontro è stato, inoltre, effettuato il sorteggio del quadrangolare Under 17 intitolato a Mario Cerciello Rega.
Queste le partite in programma oggi alle 15 allo stadio comunale di Brusciano ( NA): Casertana- Avellino e Viribus- Cavese.

“Il quadrangolare nasce per unire lo sport alla memoria di Mario Cerciello Rega – conclude Ghirelli- e vede scendere in campo ragazzi quasi coetanei di coloro che sono accusati dell’omicidio del Vicebrigadiere. Il pallone è un ambasciatore di valori”.

Hanno partecipato e portato il saluto Carlo Sibilia, Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Interno, Salvatore Di Sarno, Sindaco di Somma Vesuviana, Cosimo Sibilia, Presidente Lega Dilettanti, Ettore Prandini, Presidente Coldiretti e il Generale Vittorio Tomasone, Comandante Interregionale Ogaden a Napoli.