Roberto Ranieri: “Tornare al Moccagatta sarà emozionante”

È insieme a Loris Damonte l’ex della partita di domenica contro il Renate. Roberto Ranieri, centrocampista ex grigio, è uno dei protagonisti della vittoria della Coppa Italia e domenica tornerà al Moccagatta per la prima volta da avversario.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Tornare al Moccagatta ed entrare in campo davanti ai tifosi grigi sarà sicuramente molto emozionante per me – racconta il giocatore -, sono rimasto molto legato a questo ambiente e lo ricordo sempre con molto piacere. Il ricordo più bello non può che essere la vittoria della coppa Italia, portare ad Alessandria un trofeo dopo tanto tempo e vedere tutto il Moccagatta pieno in festa è stato bellissimo. Quello più brutto, invece, penso sia stato l’uscita inaspettata dai playoff, dove all’andata stavamo conducendo per 3-0 a 5 minuti dalla fine in casa della Feralpisalò. È rimasto un grosso amaro in bocca per quell’eliminazione, perché sono convinto che la nostra squadra poteva arrivare in fondo a quei playoff”.

Ranieri è cresciuto calcisticamente nell’Atalanta per poi svincolarsi questa estate. “Ringrazio sicuramente l’Atalanta per gli anni passati insieme e per avermi fatto diventare il calciatore e la persona che sono adesso – prosegue il giocatore –. Con loro ho fatto tutta la trafila del settore giovanile, ho vissuto esperienze bellissime e ho conosciuto persone, amici, allenatori con cui ancora oggi rimango in contatto. Come in tutte le cose bisogna prendere delle decisioni e si è deciso di dividere le strade”.

Come tutti i calciatori anche Roberto Ranieri spera di raggiungere la Serie A. “Ho ancora 22 anni, non mi ritengo vecchio, ma so che si è arrivati ad un età dove bisogna far vedere quello che uno vale e sono convinto che qui a Renate posso esprimermi al meglio – conclude Ranieri -. Avendo ancora un età giovane, ma penso lo sarà anche da un po’ più vecchio se non ce la farò prima, il mio sogno è quello di poter un giorno giocare in Serie A, sembra banale ma è un sogno che coltivo fin da bambino”.