Carrara, arrestato un ultras 30enne alessandrino per resistenza e violenza a pubblico ufficiale

È un ultras alessandrino di 30 anni di cui non sono state fornite le generalità l’uomo arrestato ieri prima del match tra Carrarese ed Alessandria allo Stadio dei Marmi di Carrara.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Dalle ricostruzioni dei fatti, alla rotonda di Turigliano (a due km dallo stadio) un gruppo di tifosi dei Grigi ha strappato lo striscione appeso dai supporter della Carrarese per invitare tutti i tifosi a seguire la squadra toscana. Raggiunto lo Stadio dei Marmi, poi, gli alessandrini avrebbero scavalcato le recinzioni per poi iniziare un lancio di oggetti verso la tifoseria opposta. Anche i tifosi toscani avrebbero lanciato oggetti agli alessandrini.

È intervenuta la Polizia per separare le tifoserie e durante gli scontri sono rimasti feriti 6 agenti. Dalle indagini condotte dalla DIGOS di Carrara in collaborazione con la DIGOS di Alessandria è risultato che uno degli alessandrini (un uomo di 30 anni circa) ha usato la cintura dei pantaloni per picchiare un poliziotto rimasto a terra.

L’uomo è stato subito fermato ed arrestato. I reati contestati sono resistenza e violenza a pubblico ufficiale aggravati dal fatto che i reati sono avvenuti nell’ambito di una manifestazione sportiva. 

Non sono esclusi ulteriori arresti di ultras dei Grigi nelle prossime ore.