Scazzola: “Sono contento. Fatte le cose provate in allenamento”

Mister Scazzola è soddisfatto dopo la partita vinta 5-0 contro l’Arquatese. Al di là del risultato, infatti, per il tecnico grigio conta l’atteggiamento per tutti i 90 minuti. Oltretutto più di 10 giocatori nella partita erano giovani.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Sono contento perché i ragazzi stanno lavorando veramente tanto – ha detto Mister Cristiano Scazzola al termine del test contro l’Arquatese –. In questa partita hanno fatto le cose che abbiamo provato in allenamento. C’è stata una prova di intensità e tra i due tempi avevamo dieci ragazzi che provenivano dalla Berretti. Abbiamo qualche ragazzo che è un po’ più indietro a livello fisico e che, quindi, erano fermi. Coralli è fermo da quando abbiamo iniziato, io non l’ho ancora visto. Oggi si è fermato anche Akammadu. Talamo è uscito. Comunque sono cose di poco conto. Oggi non stiamo a guardare il risultato perché stiamo cercando di creare una mentalità ed un’idea di gioco tra le due fasi. In dieci giorni ho iniziato ad intravvedere che c’è grande disponibilità da parte di tutti. Quanto inciderà la Coppa Italia? Vogliamo fare una squadra con un mix di giovani ed esperti. Questo vuol dire che potrebbero arrivare giocatori anche dopo la partita di Coppa Italia. Però indossiamo la maglia dell’Alessandria e quindi in Coppa arriveremo non solo pronti con quelli che saremo ma anche le partite che avremo fatto fino ad allora devono essere vissute con questo spirito. Ci vorrà un po’ di pazienza ma vediamo che abbiamo dei giovani interessanti. Il problema principale sarà farli adattare al ritmo ed alla fisicità della categoria perché molti sono 2001 o 2002, che è lo step più grosso quando si arriva dalle giovanili. Oggi avevamo qualche giovane fermo ma è normale perché non si ha ancora l’abitudine a quella fisicità. Cleur? Ha avuto una distorsione alla caviglia, speriamo di poco conto. Sentiremo lo staff medico per avere l’entità. Suljic? È un giocatore completo. È un 1996 che l’anno scorso ha fatto bene. Si tratta di un giocatore dinamico che può giocare sia a due che a tre davanti alla difesa. Aveva altre richieste ma ha scelto di venire qua perché è una società importante per questa categoria”.