LA GRANDEZZA DEI BALOCCHI recensione

La grandezza dei balocchi sia per fanciulle come per collezioniste

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

BAMBOLE DEL MONDO

 

Il testo redatto da Pieranna Bottino ha come sottotitolo storie e tradizioni un testo da indurre a meditare quanto un semplice balocco possa diventare oggetto di profonda cultura nello spazio nel tempo Il libro è stato presentato nel salone di rappresentanza del Museo Etnografico della Gamberina, lo scorso venerdì

 

Il lettore è attratto, sfogliando le pagine, dalle stupende fotografie incastonate alla stregua di cesello nel giusto contesto, un riguardo per il lettore affinché possa comprendere meglio il discorso.

Pieranna è un’ottima lettrice … la Lettura non dovrebbe mai essere considerata un hobby bensì un’attività indispensabile che ognuno di noi dovrebbe svolgere  … come bere e mangiare .. così afferma alla pagina 76, un paio di pagine prima si legge: Avendo trascorso quasi .. della mia a scrivere .. lascia intendere d’essere una buona scrittrice, come in effetti è; del resto le sue pagine hanno uno stile comprensibile, adatto a persone d’ogni età; in questo contesto ha saputo trasmette i pensieri esternati dal suo animo, racconta quanto è legata ai suoi balocchi attraverso la linearità dei contenuti

La bambola non è solo uno strumento per il gioco, è un emblema capace di raccontare, attraverso la vocazione della maternità, la storia, la leggenda, le tradizioni di ogni tempo, di ogni Paese attraversati dall’indole umana.

Dunque, la bambola ha un qualcosa in più d’un semplice balocco, l’autrice ha saputo elevare la pupattola ad un oggetto suggestivo, capace di concentrare la complessità della storia amalgamata con l’estensione della geografia, collocarla nel mondo con i suoi impensati risvolti, com’è spiegato con attenta accortezza.

Il testo, adatto a qualsia libreria anche la più esclusiva è uscito dalla tipografia E. Canepa di Spinetta Marengo nell’aprile del 2019; rivolto ai bambini d’ogni età, reperibile presso l’autrice Pieranna Bottino: e mail p.bottino62@gmail.com

 

Franco Montaldo

 

Lascia un commento