Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

vergogna, vergogna, vergogna!

492707d1-1ec4-4b1e-ac09-d9e3e807bbe9Questa volta l’Alessandria non ha neppure pareggiato, ma ha beccato 4 pere, al termine di una gara assolutamente vergognosa, da un Piacenza che non si è dovuto neppure sforzare più di tanto.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Non un’idea di gioco, errori dilettanteschi sulle palle ferme calciate dagli avversari, fondamentali mancanti a molti dei protagonisti in maglia grigia, passaggi sbagliati a ripetizione.

Nel momento in cui la situazione in classifica si fa sempre più preoccupante, a Piacenza va in campo un’Alessandria senza grinta, senza personalità, senza idee.

D’Agostino era diventato il capro espiatorio di tutte le colpe. E’ arrivato Colombo e la musica è sempre la stessa: non puoi cavar sangue dalle rape. Questo organico non è all’altezza di fare un campionato dignitoso di serie C, neppure di garantire una salvezza senza patemi d’animo.

Inutile girarci attorno: le colpe non sono dell’allenatore e neppure dei giocatori, che danno quello che possono per le qualità (molto scarse) che hanno.

La responsabilità è di una dirigenza arrogante ed incompetente che ha spacciato per “progetto” un piano di smantellamento e di ridimensionamento economico assolutamente privo di ogni logica calcistica.

Anche con queste premesse, è di tutta evidenza che ci sono formazioni che, spendendo molto meno, hanno classifica, giocatori, gioco decisamente migliori dell’Alessandria: evidentemente, c’è chi ha la capacità di utilizzare al meglio  le risorse disponibili, anche se poche,  e chi no.

Dopo la sconfitta di Piacenza, in questa Alessandria vediamo solo il nulla: non ci sono giocatori da cui ripartire, non c’è chiarezza sulle intenzioni future della dirigenza, mancano figure nei ruoli chiave della società. Che fine si vuol far fare a questa squadra? Il prossimo campionato si incomincia a costruire già adesso!

A tal proposito faccio un’altra considerazione: il Piacenza, che dimostra di essere una società seria che pensa anche già al futuro, in settimana ha rinnovato e prolungato i contratti di Direttore Generale e Direttore Sportivo.

L’Alessandria invece naviga ancora nel buio: quale futuro per questo povero orso grigio?

Di Masi, come sempre, tace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *