Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Grigi, le pagelle contro il Piacenza

e2330e4c-ecb9-4f73-bff9-049ec00d39f9Una prestazione da dimenticare quella di questa sera al Garilli ma, soprattutto, una prestazione che dovrebbe far riflettere la dirigenza. La zona playout è vicina, troppo.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Cucchietti 2: Rigore a parte, è stata la prestazione più penosa fatta dal portiere scuola granata. Se aveva ambizioni di salire di serie, dopo questa sera deve metterci una croce sopra e sperare di giocare ancora una stagione in Serie C.

Sbampato 4,5: La difesa, oggi, ha fatto acqua da tutte le parti. Alcuni salvataggi buoni ma altre azioni veramente inutili.

Gazzi 6: Gioca il primo tempo come difensore facendo praticamente reparto da solo. Nel secondo tempo passa al centrocampo guidando il reparto.

Prestia 4,5: Un po’ troppo distratto nel primo tempo. Nel secondo è più attento ma non compie nulla di buono.

Gemignani 5,5: Le azioni degne di nota portano quasi sempre la sua firma.

Delvino s.v.: Troppo pochi i minuti giocati.

Tentoni 5,5: Sbaglia di poco due tiri che avrebbero potuto riaprire la partita. Dimostra di reggere una sessantina di minuti.

Badan s.v.: Troppo pochi i minuti giocati.

Maltese 5: Poco utile. Dovrebbe servire di più i suoi compagni.

Panizzi 3: Troppi gli errori del giocatore che continua a macinare prestazioni disastrose ad ogni partita.

Bellazzini 4,5: Prestazione altamente deludente per il trequartista grigio. Di certo dovrebbe e potrebbe fare molto di più.

Sartore s.v.: Troppo pochi i minuti giocati.

De Luca 5,5: Prestazione da dimenticare per il numero 9 grigio che corre come un pazzo ma non riesce mai a finalizzare.

Coralli s.v.: Troppo pochi i minuti giocati.

Akammadu 3: Tenta di copiare De Luca replicandone i movimenti. Un comportamento, questo, altamente inutile.

Santini 5: Sbaglia tutto come i suoi compagni di squadra.

Mister Colombo 4: Sbaglia gli interpreti continuando a mettere in campo Panizzi, non dando la fiducia che meriterebbe a Pop e dando fiducia ad un ragazzo che ha dimostrato di non essere pronto come Akammadu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *