Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Grigi, le pagelle contro l’Arzachena

1c856167-3605-4fd6-a779-007a36b44fc8
I Grigi perdono clamorosamente contro l’Arzachena. La pagina più brutta scritta dalla squadra di Mister D’Agostino è andata in scena oggi al Moccagatta. Bisogna, però, rendere onore a questi ragazzi perché al termine si sono recati sotto la Nord per ricevere gli insulti e i fischi. E non solo i titolari. Anche chi era in panchina, infatti, su invito del difensore Fabio Delvino, si è recato al faccia a faccia con i tifosi. Allora sono delle vittime di queste scelte tecniche.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Cucchietti 5,5: Non ha colpe sul goal. Limita i danni.

Gemignani 5: Da un suo errore nasce il goal dei sardi. Troppi errori.

Bellazzini 5: Scende in campo ma non si nota. Forse era meglio se rimaneva in panchina.

Prestia 5: Sono ormai troppe le partite che ha giocato sotto tono. Anche oggi è una di quelle.

Panizzi 5: Il centrale, proprio, non è in grado di farlo.

Agostinone 6: È l’unico della difesa che limita i danni. Dalla sua parte i sardi fanno fatica a passare.

Chiarello 6: Corre e cerca di servire i suoi compagni più che può. Peccato che nessuno sfrutti i suoi suggerimenti.

Sartore 5: Oggi anche il brasiliano non riesce ad incidere.

Checchin 5: Un giocatore della sua esperienza dovrebbe fare di meglio. Alcuni errori di concetto.

Gazzi 6: Cerca di metterci una pezza ma ormai è troppo tardi.

Maltese 5: Non incide nulla.

Gatto 5: Si sveglia alla fine della partita quando, però, ormai è troppo tardi per caricare i compagni.

Coralli 5: Inconcludente. Nessuno degli attaccanti, oggi, riesce ad incidere. Lui, però, non si nota proprio.

Santini 3: Tenta le azioni personali che, però, non riesce a fare. Si prende due gialli inutili e costringe i Grigi a giocare in 10 per mezz’ora.

De Luca 5,5: Anche oggi il giovane scuola Torino non riesce a segnare. Mezzo punto in più per averci messo la faccia con i tifosi tentando una rappacificazione lanciandogli la maglia.

Mister D’Agostino 0: Anche oggi l’unica cosa giusta che fa è compilare la distinta con 11 giocatori. Una formazione senza senso perché non si può mettere dal primo minuto tutti gli attaccanti a disposizione per vincere una partita fondamentale. Interpreti completamente sbagliati, modulo mai provato e cambi assurdi. Insomma, peggio di così non si può fare. Se tutti, ormai, chiedono la sua testa un motivo ci sarà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *