MUSICA e NUVOLE – SABATO 9 SETTEMBRE 2017

L’Isola Ritrovata è un luogo ove approdano artisti musicali, che sovente vengono associati ad altri portatori di talento, con proposte innovative curate dai direttori artistici Ezio Poli e Claudio Braggio, i quali hanno ben accolto la proposta dI Stefano Giraldi, fotografo toscano capace di coniugare il mondo delle immagini con quello del ritmo.
Questa l’essenza dell’evento MUSICA E NUVOLE (ovvero la musica colorata), che sarà presentato sabato 9 settembre 2017 dal giornalista Fausto Pellegrini dalle ore 18,00 presso la galleria d’arte 102 in via Verona nr 102 e quindi sul palcoscenico dell’Isola Ritrovata in Via Santa Maria di Castello 8 dalle ore 22,00 (prima “Cena degli Artisti sopra la Nebbia”, con prenotazione al 3331345751).
Uno sforzo organizzativo che porterà ad esporre pregevoli disegni, originali e moti appositamente creati per l’evento, a firma di Sergio STAINO, Giuliano ROSSETTI, Dino ALOI, Lido CONTEMORI, Gianni AUDIZIO, Massimo CAVEZZALI, Marco DE ANGELIS, Milko DALLA BATTISTA, Massimo PRESCIUTTI, Gianni CHIOSTRI, Andrea PAZIENZA, Lino DI LALLO, Mauro RISPOLI, Alessandro PALEX PREVOSTO.
In serata si esibiranno noti ed apprezzati cantautori, quali sono Cristiano ANGELINI, Chiari JERÌ, Max MANFREDI, Luigi ANTINUCCI, Massimo PRESCIUTTI, Andrea TARQUINI, Fabrizio ZANOTTI, Mirko MENNA.
Da molti anni l’impegno profuso dall’Isola Ritrovata contribuisce in modo incisivo ad allargare l’offerta culturale ed artistica della città in modo divertente e condiviso, perciò ogni evento è una festa dedicata alla creatività.
—————————————
Strane nuvole si addensano sulla nostra canzone d’autore… Un manipolo di “disegnatori di sogni” capitanati dal mitico comandante Giraldi, hanno deciso di dare forma e sostanza ad un amore ancestrale.: quello per la musica. E visto che l’amore, giocando con un verso sacro dei gloriosi Platters, può essere considerato un “fumetto” negli occhi, ecco che la magia si compie: le note, come per incanto, prendono nuova vita e ci appaiono, trasfigurate, in un’altra dimensione. E nel gioco dei contrari, dove tutto si spiega a rovescio, col fumo negli occhi riesci a vedere cose ignote agli umani.
“Lettera X, dov’è il segreto di Asterix, Motorx, Mister X?” Si domandava Lucio Dalla nella sua splendida “Fumetto” Qui il percorso è rovesciato e sono gli indomiti maestri di cappa e matita a chiedersi dov’è il segreto della grande musica. In un gioco di colori e rimandi dove la parte rappresenta il tutto ed il particolare serve a spiegare l’universale. In un gioco di specchi dove la musica suona attraverso i disegni e i disegni prendono vita attraverso la musica. E il cerchio, “d’un tratto”, si chiude. E si completa. Perché nella musica non può esserci cosa malvagia. E con la musica non si può prendere una “cattiva china”.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Fausto Pellegrini (Giornalista critico musicale)

Lascia un commento