INTITOLIAMO IL TEATRO COMUNALE DI ALESSANDRIA A ENNIO DOLLFUS DI MONTEVULCANO

chiamata alle arti

Occorre dare un nome al Teatro Comunale e mi spiace che questo accada soltanto ora.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Inoltre, debbo constatare che vari dinosauri della cultura del passato, ormai trasformati in fossili, si sono tutti quanti ben avviluppati attorno al nome di Virginia Marini, che di certo loro ricorderanno bene avendo visto molte interpretazione della loro contemporanea.

Ai teatranti, agli appassionati di spettacolo, agli intellettuali militanti ed un poco più frizzanti invece pare più adatto il nome di un personaggio di cui noi abbiamo ancora vivo ricordo ovvero il compianto Ennio Dollfus di Montevulcano.

A suo merito non soltanto quello di aver creato una scuola teatrale di grande tradizione come quella de “I Pochi”, ma soprattutto quello d’aver dato molto a moltissimi di diventare spettatori di teatro, che poi è il ruolo più bello, intenso ed utile allo spettacolo dal vivo.

Altri poi gli debbono senz’altro molto per essere stati ben instradati nella professione, trovando uno spazio di prestigio che poi è quello di guadagnarsi il palcoscenico ogni volta, ogni sera.

Su questa proposta, sarà mia cura sollecitare quelle centinaia tra musicisti, poeti, cabtautori, scrittori, teatranti, cineasti, saggisti che approdano all’Isola Ritrovata, ritrovo di artisti e intellettuali particolarmente vispi.

Claudio Braggio

direttore artistico de L’Isola Ritrovata

Lascia un commento