Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Juventus corsara a Palermo: annientati 3-0 i rosanero

223851888-c9f579c0-a066-4db4-aaec-1a6f7faca7df

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Torino, Empoli, Milan e Palermo. La Juventus ingrana la quarta e centra il poker di vittorie consecutive allungando il fantomatico “filotto” tanto richiesto da Allegri.
Al Renzo Barbera i bianconeri hanno vita facile: il Palermo per 60′ tiene botta, pur non affacciandosi quasi mai dalle parti di Buffon, poi nell’ultima mezzora Allegri scatena i propri cavalli e grazie alle reti di Mandzukic, Sturaro e Zaza annienta i rosanero e ottiene un’altra fondamentale vittoria.
Il copione della partita è chiaro: la Juventus gestisce al meglio l’incontro, detta i ritmi e punge nel secondo tempo un Palermo solido ma poco concreto negli ultimi trenta metri, lì dove il peso offensivo risulta essere quantomeno scarno e l’assenza di un fuoriclasse come Dybala, non rimpiazzato adeguatamente in sede di mercato, si fa sentire.
Zamparini non ha gestito intelligentemente questa prima parte di stagione: la rosa rispetto allo scorso anno si è notevolmente indebolita, sintomo di un mercato poco produttivo, e l’esonero di Iachini appare ancora inspiegabile, visto il grande lavoro svolto negli ultimi anni a Palermo e il totale appoggio di cui godeva da parte di ambiente e spogliatoio. La materia prima nelle mani di Ballardini non è di primissima qualità, ma sta a lui ricostruire una macchina fino all’anno scorso fulminea e performante ma che ad oggi arranca.
In casa Juventus il tempo degli esperimenti sembra essere finito: Allegri con il 3-5-2, tanto caro ai senatori della rosa, ha trovato l’alchimia perfetta. Sorniona, concreta e abilissima nella gestione dei 90′ la Juventus è tornata, nell’ultimo periodo, a fare ciò a cui ci ha abituato negli anni scorsi e la ritrovata stabilità difensiva è segnale di una ritrovata quadratura. Dybala cresce di partita in partita, Mandzukic si è sbloccato e Zaza, nonostante i pochi minuti all’attivo, gode di un’ottima media gol. Inoltre la tenuta fisica è notevolmente migliorata rispetto a inizio stagione, quando i bianconeri zoppicavano nelle sabbie mobili della classifica alla disperata ricerca di un elemento tanto caro ad Allegri, tornato in voga a Vinovo: l’equilibrio. I bianconeri continuano dunque a rosicchiare punti alle prime della classe: la rincorsa Scudetto continua inarrestabile.

Juventus (3-5-2): Buffon 6, Barzagli 6, Bonucci 6, Chiellini 6.5, Cuadrado 5.5 (68′ Lichtsteiner 6), Sturaro 6, Marchisio 6.5, Pogba 6, Evra 6.5, Mandzukic 6.5 (67′ Morata 6), Dybala 6 (84′ Zaza 6.5). All. Allegri 6.5.

Palermo (4-3-1-2): Sorrentino 5.5, Struna 5 (74′ Rispoli 5.5), Goldaniga 6, Gonzalez 6, Laazar 5.5, Hiljemark 5.5 (60′ Quaison 5.5), Jajalo 6, Chochev 6, Brugman 5.5, Vazquez 6, Gilardino 5.5 (62′ Trajkowski 5.5). All. Ballardini 5.5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *