Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

il genocidio degli armeni

UN MASSACRO DIMENTICATO

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

IL GENOCIDIO DEGLI ARMENI

DAI GIOVANI TURCHI AD ARMIN T. WEGNER

24 OTTOBRE ORE 10.00 AUDITORIUM

MARENGO MUSEUM – SPINETTA MARENGO AL

Locandina Convegno Genocidio Armeno Marengo Museum R 24 ottobre 2015La lettera a Hitler: Un giorno nel 1965 Johanna, una studentessa universitaria tedesca in cerca di un’occupazione a Roma, legge sul “Messaggero” un’inserzione: “Poeta tedesco ricerca segretaria tedesca”. Poco dopo essere stata assunta, il sedicente poeta le detta una lunga lettera in difesa degli ebrei che sostiene di aver scritto e spedito a Hitler nel 1933, e le chiede di inviarla a centinaia di indirizzi tedeschi, fra cui quelli di alcuni giornali. Johanna è convinta di avere di fronte un millantatore, ma dovrà ricredersi quando, tornata in Germania, si metterà a indagare sul suo datore di lavoro, ripercorrendo così passo passo la vita di Armin T. Wegner, scrittore e strenuo difensore dei diritti umani, riconosciuto dagli armeni come “giusto” per essere stato uno dei primi a denunciare il dramma del loro popolo: il genocidio del 1915-16. Quello stesso riconoscimento Armin lo aveva ricevuto nel 1967 anche in Israele, con un albero nel giardino dei giusti di Yad Vashem, proprio per la lettera al Führer e la denuncia delle leggi antisemite.

Gabriele Nissim ne ha ricostruito la straordinaria vita, anche sulla base delle tante lettere custodite negli archivi di famiglia. Sono sue le uniche fotografie esistenti al mondo dello sterminio.

Pietro Kuciukian Console Onorario della Repubblica Armena ci racconterà, anche con episodi inediti, i massacri della popolazione cristiana (armeni, siro cattolici, siro ortodossi, assiri, caldei e greci) avvenuti in Turchia tra il 1915 e il 1916 sono ricordati dagli armeni come il Medz yeghern, “il grande crimine”. Le uccisioni cominciarono nella notte tra il 23 e il 24 aprile 1915, quando furono eseguiti i primi arresti tra l’élite armena di Costantinopoli. L’operazione continuò nei giorni successivi. In un mese più di mille intellettuali armeni, tra cui giornalisti, scrittori, poeti e parlamentari furono deportati verso l’interno dell’Anatolia.  Lo sterminio e la deportazione di massa della popolazione cristiana dell’Armenia occidentale erano stati decisi dall’impero Ottomano a causa delle sconfitte subite all’inizio della prima guerra mondiale per opera dell’esercito russo, in cui militavano anche battaglioni di volontari armeni. Dall’inizio del 1915 gli armeni maschi in età da servizio militare erano stati concentrati in “battaglioni di lavoro” dell’esercito turco e poi uccisi, mentre il resto della popolazione era stato deportato verso la regione di Deir ez Zor in Siria con delle marce della morte, che coinvolsero più di un milione di persone: centinaia di migliaia morirono per fame, malattia, sfinimento o furono massacrati lungo la strada.

Piergiorgio Bianco nel suo intervento storico/filosofico ci racconterà le ragioni che  hanno portato il Governo turco di allora  alla follia. Dall’impero Ottomano che,  per metà cristiano, dopo cinque secoli di convivenza divenne di colpo un regime feroce e sanguinario. Le intuizioni del Vaticano. Fu l’inizio di un genocidio che ricorda i massacri della Cambogia, dell’Unione Sovietica, della Germania, per non parlare del Medio Oriente dei nostri giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *