Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Ragazzi “in giallo” al PalaConi: presentata la nuova avbc

c

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

edbaPallavolo. Una grande macchia gialla ha invaso il PalaConi di Alessandria in occasione della presentazione della storica società Avbc, avvenuta giovedì 24 settembre.
Tra i presenti, non soltanto le squadre che andranno ad affrontare i campionati giovanili e di categoria, ma anche tanti, tantissimi bambini che per la prima volta si affacceranno a questo meraviglioso sport, accompagnati da altrettanti genitori e tecnici.
Una giornata che ha fatto del PalaConi un teatro di presentazioni, non soltanto per quanto riguarda la “nuova” B2 femminile e i neo-promossi ragazzi della serie C ma anche di tutti quei giovani e giovanissimi che fanno, e faranno parte, di un grandissimo progetto che quest’ anno si prefigge l’ obiettivo di più di 300 tesserati contro i 120 della stagione scorsa.
La “ grande macchia gialla” è stata la protagonista principale di questa presentazione che ha colorato il PalaConi al grido di “dire, fare, conquistare”, slogan scelto dall’ Avbc Alessandria, stampato su magliette di tecnici e atleti.
Novità di quest’ anno, non soltanto le cifre e i numeri ma anche l’ ampliamento dell’ organico che vede alla ribalta il meglio del panorama tecnico provinciale: un organico esperto, preparato e che sicuramente raggiungerà l’ obiettivo di far tornare la pallavolo alessandrina che conta ai livelli che merita.
Tanti i progetti in ballo e tante le mete da conquistare: una sinergia con la Pallavolo Occimiano sarà attuata per il settore maschile e per la B2 femminile, acquisita dal Casale, sarà fondamentale lo strano binomio casalesi-mandrogne. Un impegno massiccio anche nel settore femminile, con l’ affiancamento dell’ under 18 ad un’ altra società della provincia.
Un occhio di riguardo anche ai ragazzi del Centro Down, che ormai da dieci anni fan parte di questo grande progetto: non soltanto per avvicinarli allo sport ma anche per accorciare quelle distanze pregiudicate da una diversità che, nonostante l’ apparenza, non esiste e che, anche tra i più giovani, non dovrà pesare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *