Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

Dott. Garavelli, cuore grigio in terra novarese

gigettoPier Luigi Garavelli, alessandrino di successo, tifoso dei grigi e “complice” del nostro giornale sin dagli anni novanta, ci incontra nel suo studio in quel di Novara.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Ci fai un breve autoritratto?

Alessandrino doc di 54 anni , padre di Elisabetta , Angelica e Maria Giovanna , da 15 anni dirigo , come “ mercenario “ ben servito ed onorato , il Reparto di Malattie Infettive dell’ Ospedale “ Maggiore della Carità “ di Novara , sede anche della Facoltà di Medicina e Chirurgia , ove insegno sempre Malattie Infettive e Parassitologia Medica . Abitando da sempre a Valmadonna , ho rifiutato sotto San Gaudenzio di fare il Medico Sociale dell’ Hockey Novara e di “ scendere “ in politica per un incarico rilevante in Novara stessa .

Da medico – redattore, titolare  di una popolarissima rubrica su Hurrà Grigi negli anni ’90, a primario all’Ospedale di Novara: possiamo dire che il nostro giornale ti ha portato fortuna?

La risposta è ovviamente affermativa, anche se ormai ho venti anni in più sul groppone e le preoccupazioni di una famiglia numerosa con moglie e bimbe , che  frequentano le elementari ad Alessandria . Allora non avevo fatto carriera , ma avevo con me la spensieratezza della gioventù , impagabile ! Infatti il titolo della rubrica , era , se ve lo ricordate , “ Sesso e Dintorni “ , abbinando divulgazione scientifica e goliardia .

(328)Come vive a Novara un tifoso dell’Orso Grigio?

Quando arrivai a Novara i Grigi espugnarono il “ Piola “ . Ai Colleghi Novaresi feci un “ gestaccio “ non traducibile per iscritto. Pochi anni dopo iniziò la parabola discendente dei Grigi e, di converso , l’ ascesa degli Azzurri fino alla Serie A . Il “ gestaccio “ mi fu abbondantemente restituito per anni , compresa quest’ultima primavera con la nuova promozione del Novara.

Quali differenze vedi, più in generale, tra le due città?

 Novara ed Alessandria non sono città molto diverse . Purtroppo mentre il contesto socioeconomico di Alessandria è peggiorato , sotto San Gaudenzio si è tenuto “ botta “ , anche per la capacità di ideare e realizzare i progetti . In pochi anni la Caserma Perrone è stata ristrutturata divenendo la sede delle Facoltà di Medicina ed Economia con degli appartamenti per gli studenti. Inoltre, è stato realizzato il nuovo Palazzetto dello Sport , che ospita le partite casalinghe della Pallavolo Femminile . Ad Alessandria c’ è la Valfré ….. In poche settimane , l’ anno della promozione in Serie A , per rimanere in ambito calcistico , il “ Piola “, già dotato di terreno sintetico , fu ulteriormente migliorato per ospitare le partite della massima serie . In pochi anni sarà poi costruito il nuovo Ospedale “ Maggiore “ ….. Ma così è per tante cose . Insomma la città fa “ sistema “ e gli abitanti sono molto attenti . Così una buca nelle strade viene riparata in poco tempo, per evitare  di finire con la fotografia sulla prima pagina de “ Il Corriere di Novara “ .

Gli antitetici destini sportivi di Novara ed Alessandria sono anche espressione delle differenti forze, economica e sociale, delle due realtà?

Non solo . L’ anno delle Serie A al “ Piola “ trovare un biglietto anche per partite “ minori “ fu impresa titanica . Da tutto il Piemonte Nord Orientale si andava a Novara per vedere non solo il Milan , la Juventus , l’ Inter , ma anche il Chievo , l’ Atalanta ed altre squadre di minor richiamo . Comunque sotto San Gaudenzio ho imparato che la solidità economica di una società , uno stadio idoneo , meglio se di proprietà , un Centro Sportivo , Novarello , un bacino d’ utenza , cioè i tifosi , sono tutti fattori “ condizionanti “ il destino di una squadra , più che il valore dei calciatori . A Novara erano infatti certi già all’ inizio della primavera che lo scorso campionato si sarebbe concluso con la promozione degli Azzurri e del Como, previsione avveratasi , per tutti i fattori sovraesposti , anche, e a maggior ragione, per le vicende societarie che hanno colpito il Varese Calcio .

Quali differenze riscontri, invece, tra le due tifoserie?

(34)I tifosi “ Azzurri “ sono meno “ caldi “ , più disincantati e razionali ……felici anche di un solo anno in massima serie . A Novara lo sport cittadino è l’ Hockey . Tutti i ragazzini hanno ai piedi pattini a rotelle ed il Novara è la società più scudettata in Italia con 32 vittorie . In città all’ Hockey manca la Coppa Campioni . Tuttavia sperano che sarà l’ Igor Volley che porterà , prima poi , oltre al tanto agognato scudetto , anche il trionfo in Europa . In questo caso la Società è sostenuta da un “ cartello “ delle maggiori imprese cittadine .

E tra le due proprietà?

Non conoscendo la proprietà dei “ Grigi “ non posso fare confronti . La Famiglia De Salvo , padrona del Novara , opera nella Sanità privata in un momento molto difficile per la riduzione dei fondi dedicati alla salute Ad Alessandria , non dimentichiamo , con cipiglio “ novarese “ ha realizzato in poco tempo la “ Nuova Casa di Cura Città di Alessandria “ Tanto onore …..

Non ti sembra che Alessandria sia una città in cui il calcio è rimasto l’unico motivo di orgoglio cittadino?

A Novara ho imparato che il Calcio , come gli altri sport , è sempre espressione del contesto cittadino , soprattutto della forza economica di quel territorio . Difficilmente in realtà “ povere “ emergono eccellenze sportive . Per far calcio oggi , a certi livelli , scusate se mi ripeto , è necessario avere anche uno Stadio idoneo , meglio se di proprietà , un Centro Sportivo ed un Bacino di Popolazione , che garantisca una determinata presenza alle partite casalinghe . Se Alessandria recupererà il ruolo economico che aveva non oltre venti anni fa , i risultati sportivi non tarderanno a venire , non solo nel Calcio , ma anche in tutti gli altri sport , che si dibattono tristemente nelle Serie Minori .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *