Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

’99 FB: il derby di Alessandria alla Bevingros

BevingrosE’ destino di ogni derby che si rispetti quello di essere una sfida particolarmente sentita da tutti i protagonisti, di rappresentare un momento che esula dai canoni della normalità di una qualsiasi partita di calcio. Non si può esimere dal rientrare in questa categoria il derby alessandrino tra Europa Bevingros e Asca. La sfida è andata in onda al “Ferrari”, in rione Europa, tra gli Allievi Fascia B, classe 1999. E in quanto derby, appunto, ne è uscita una partita strana, giocata su un terreno “difficile” (presidente Giacchero, una rullatina?) dove, come era prevedibile, a farla da padrone sono state le caratteristiche di fisicità, di potenza, di “peso”, rispetto a quelle più puramente tecniche. Il risultato finale parla chiaro: la formazione di casa, guidata dalla panchina da mister Russo, supera i rivali di “Icio” De Luca per 3 a 1, sbagliando anche altre occasioni per rendere più consistente lo score finale. Se i numeri sono decisamente dalla parte dei padroni di casa, dal punto di vista del gioco non è apparso così evidente il divario tra le due squadre, anche in virtù della splendida giocata al volo di Bamou che, quando si era ancora sullo 0 a 0, è andata a stamparsi sul palo: questione di centimetri e il vento sulla sfida avrebbe potuto cominciare a soffiare in un’altra direzione. A fare la differenza invece è stata un’ingenuità del numero uno ospite, Conza, punito da Hicham su calcio di rigore. Sulle ali dell’entusiasmo conseguente al vantaggio sono arrivati il 2 a 0 con El Aoulani, bravo a liberarsi sul filo del fuorigioco, e il 3 a 0 , ancora con Hicham, che dopo alcuni errori dimostra tutte le sue doti tecniche con un delizioso tocco in pallonetto. Nel finale è Monaco, con una botta precisa e potente da fuori area, a rendere meno amaro il tabellino per i gialli dell’Asca. L’anomalia di un calendario zeppo di tanti recuperi riproporrà, a campi invertiti, già fin da sabato prossimo il confronto tra le due squadre. E sarà ancora derby.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *