Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

SOLO I NOSTRI, BELLISSIMI, GRIGI!

cavaChe battaglie, che guerrieri! I Grigi continuano a volare: dopo il successo a Pavia, le tre reti al Lumezzane, espugnano anche Bolzano. È sabato pomeriggio, fa freddo, campo malconcio. Eppure i Grigi fanno sognare. Se si dovesse chiudere la stagione ora non ci sarebbero di certo dubbi: questo è stato un anno strepitoso. Davanti, per fortuna abbiamo ancora dodici spettacoli, dodici opportunità imperdibili, ‘dodici finali’ come dice il Presidente. Una più importante dell’altra. Gli ultras scuotono e spronano la città: il Moccagatta deve tremare, ma deve tremare di Grigio vero. Gli occasionali, gli opportunisti, i gufi, ‘gli eretici’possono stare a casa. Mi sembra lecito riportare una frase di un tifoso del Parma intervistato da un giornalista Rai sulla situazione societaria della sua squadra del cuore, che alla domanda su cosa si prova a vedere il cancello dello stadio chiuso alla domenica pomeriggio ha risposto: «È come per un fedele abituato ad andare a messa tutte le domeniche trovarsi la porta della chiesa chiusa. Per me questo è in amore. Per me questa è una vocazione. Per me questa è fede». I tifosi soffrono tutti della stessa dipendenza, hanno tutti gli stessi sintomi. E questa frase rende onore: a chi la dice, a chi la condivide e alla squadre che la ispirano. Il Moccagatta merita il suo pubblico più caldo e fedele, il suo pubblico più grigio e più acceso. Questi ragazzi meritano il supporto più rassicurante, meritano quelle parole scritte sulla maglia ‘Alessandria sei la fiamma che ci brucia con ardore’. Parole profonde, immediate, commoventi, di spirito. Parole che escono dalla bocca di tutti durante l’esecuzione del coro, parole che entrano e si imprimono a fuoco nel cuore di chi le pronuncia con le lacrime agli occhi e i brividi lungo la schiena. È inutile ribadire che le prossime partite saranno tostissime, che mantenere una striscia positiva sarà impegnativo, che ogni squadra è pericolosa a modo suo. Ma noi siamo i Grigi e… Questo basta e avanza come stimolo.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *