Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

ripartire subito!

IMG_2565E’ stata grande la delusione, tra i tifosi dell’Orso Grigio, per il brutto ko rimediato in quel di Mantova. Appena raggiunta la vetta, è subito arrivata la doccia fredda. In realtà, poco o nilla è cambiato, dal momento che la testa della classifica resta distante un solo punto. Restano da capire le ragioni di una brutta sconfitta, maturata nel primo quarto d’ora di gara, senza che poi si vedesse una vera e veemente reazione. Comunque, non bisogna drammatizzare: non eravamo la squadra ammazza-campionato prima, non siamo diventati improvvisamente dei bidoni. Stiamo, però, coi piedi per terra: certi entusiasmi, certe valutazioni sui precedenti, certe facili illusioni servono solo a creare pressione su una squadra che in questo momento deve assolutamente trovare forza e concentrazione per ripartire. In un campionato come questo, in cui i valori di vertice sono molto livellati (sono almeno 9 le squadre ancora in lizza per i primi tre posti) la differenza può essere fatta dalla testa, più che dalle gambe, dalla determinazione feroce a raggiungere l’obiettivo. Sosteniamo i ragazzi, ma senza caricarli di pressioni eccessive. Alessandria è una piazza esigente, ma deve anche essere saggia. Comunque, in questo momento, la gara di sabato contro il Real Vicenza è una prova importanmtre per valutare la condizione della squadra in maglia grigia. Per i veneti, che sono una delle 9 aspiranti al vertice, ma che ci seguono a 4 punti di distanza, una sconfitta potrebbe voler dire addio ai sogni di gloria. Arrivano al Moccagatta quasi come ad un’ultima spiaggia, venderanno carissima la pelle e non possono sbagliare dopo la sconfitta casalinga dello scorso turno con il Feralpisalò. Per i grigi, invece, proprio le gare casalinghe hanno costituito l’anello debole del girone d’andata: siamo reduci, infatti, dai due pareggi con Bassano e Renate. E’ il momento, quindi, di cambiare passo, di tornare alla vittoria in casa e di eliminare un pericoloso concorrente. Hurrà Grigi.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *