Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

pride, un film, una storia vera

pride< < Lesbian and gay Men support the Miners >>.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

L.G.S.M.”non necessariamente un “Gay Pride” sfarzoso, colorato, scintillante concertato e concertante e ‘a seconda’ dei punti di vista ‘s-concertato o s-concertante’. Non sta a noi stabilire i nessi e le eventuali con-nessioni. I Fatti separati dalle Opinioni. – La Regola Prìncipe – L’acronimo cui sopra come un organigramma dello   ‘strava(li)ganteMovimento, più e meglio capace di raffigurare la situazione di una qualsiasi ‘equivoca sigla sindacale ‘.

Nel film PRIDE, un Mondo Solidale Gaio e Felice è possibile senza ‘cadere’ necessariamente nella “Commedia degli Equivoci. Non verranno messe in scena immagini di ‘pruderie‘ varia e complessa con   scene di sesso aperto o spinto.

E, qui ‘invochi-amo’ la vostra clemenza per aver cercato di affrontare il delicato Tema della sussistenza e della sopravvivenza.

 

< Propria Dote dell’Uomo è la Forza alla quale sono legate – indissolubilmente – LIBERTà GIUSTIZIA COSTANZA>. “Ed. Keltia” – messaggio su segnalibro keltia@keltia.it – .

 

Ovvero:

< Quando l’impensabile, l’imponderabile riesce a sfoderare armi del tutto innocue: quali : la persuasione e la solidarietà capaci di ottenere vittorie impossibili” >. “Un pizzico d’amore in ogni sua salsa e componente fa la differenza ovunque e con chiunque”. (Aeffe)

 

di       Antonino Freni

 

A tutta marcia – un insieme ”bicomposto” – a sostegno dei Minatori inglesi durante le dimostrazioni e le proteste nelle varie Reali Contee della Regina, dopo le ripetute ed annunciate chiusure dei Siti minerari che avrebbero   potuto lasciare senza lavoro intere Comunità operaie.

 

 

Il Film ‘ Pride premiato con la “Queer Palm a Cannes 2014” in questi giorni in circuito cerca di dare un più che efficace resoconto di una storia effettivamente verificatasi negli anni80 in piena Èra thatcheriana. Nei musi e nei muri si legge un po’ dappertutto: “Thatcher Out” “Insieme marciamo lesbiche e gay” così inizia con una esilarante “marcialonga” l’ottimo film PRIDE di   Matthew Warchus. E, poi anche lo stuzzicante e stuzzichevole provocatorio: “Ogni donna è una lesbica nel cuore” e agli increduli “ E, la tua un popiù delle altre”.

 

A detta dei più grandi intenditori e recensori, su tutti: ‘in grassetto‘ il “magnificat” : “Magnifico” da parte del ‘The Times .   Un quinto del film sa di ‘musical anni 70‘ e qualcosa di ‘Grease‘ si intravede nei balli e nelle movenze alle feste ‘LesbianGay‘.                       .

 

Qui, però: sopravanzano   sempre prominenti e preminenti i motivi del contendere: le invasive e perverse dinamiche salariali capaci di mobilitare le Masse quando non appaiano del tutto combacianti e compiacenti al rispetto più elementare della Classe operaia e del duro Lavoro.

Per fare spazio ad ‘impronunciabili‘ interessi di parte: ogni Zona del mondo risulta da molti anni, da codesti anni a questa parte: dati alla mani quasi sempre ‘endogena’ e propedeutica all ‘uopo’.   ‘Perverso‘ o ‘Pervertito‘: questi ‘epiteti‘ ricorreranno spesso ed esclamati ad ogni pie’ sospinto –   intercalato – nei continui dialoghi tra la Media e Piccola Borghesia nella quale genereranno   sdegno e cagioneranno   ‘vivaci e vibrate vibranti proteste’. La numerosa colonna di “cellulari” che trasporta i manifestanti verso le carceri quantizza la voluminosità degli scioperi e l’enormità dei manifestanti.

Margharetha‘ così veniva ‘ ilar-e-mente’ chiamata la ‘prima ministra‘ inglese degli anni ’80, la Margareth Thatcher un “pregnante e ottimo Primo Ministro” dal grande impatto politico in Inghilterra e nel mondo intero. Nelle prime ‘schermaglie‘ filmiche la sentiamo saldamente e convintamente affermare colla sua viva voce in ‘talking‘ di “essere determinata” a portare fino ad ogni estrema conseguenza la sua decisione di chiudere le più ben conosciute miniere del Regno Unito. ‘Il Potere mi è stato conferito e guai chi – melo tocca’. Da queste asserzioni “Victor to the Minesprende il via e va.

La ‘Pathè’ ‘corporation’ unitamente alla ‘BBC’ produce un ‘film forever‘: quando Arte e Servizio Pubblico si combinano e rendono adeguata giustizia a distanza di 30 anni, portando a conoscenza del vasto pubblico sconosciute e avvincenti storie.

Joe e Mark   in due – con sembianze – : come la Rita O’ Grady del precedente film di “We want sex”.

Codesto Film e il Pride di cui ci stiamo occupando sembrano promettere dal titolo – al primo acchito – di essere film in cui possano scorrere immagini sfrenate di sesso: ma, non sarà così. Nel primo entrano in azione le Operaie della Ford ‘licenziande’ e sottopagate”; mentre: nell’altro ci saranno questi due ragazzi che determineranno le sorti del ‘conflitto‘ in atto. L’uno e l’altro attraverso la loro mediazione si prodigheranno per convincere la Comunità dei Minatori del tutto – inizialmente – contraria a portare a compimento questa strana unione con l’aiuto dell’intera comunità Lesbian e Gay.

Mark è un Gay convinto e convincente in ogni sua ‘mossa‘ mentre Joe casualmente viene avvicinato da un manifestante e gli verrà conferita letteralmente una medaglietta metallizzata come ‘uncertain-lygay‘: per restare “avvinghiati” nel “Regard

Joe subirà un processo da parte dei suoi genitori venendo emarginato e recluso in casa. “Dopo tutto quello che abbiamo fatto per te, tu ci arrechi un forte dispiacere”. “Come farai a vivere da solo e senza una regolare famiglia e mantenere un segreto così immanentemente pesante”. Ravvediti! Ma il ragazzo ‘improbabile deviato‘ trionferà alla fin fine e la festa sarà in gran parte anche per lui.

Il piccolo negozietto “Gay’s the word” rudimentale copisteria, sarà campo d’azione per iniziare l’impropria, irreale e incerta battaglia.

I secchielli in plastica e metallo in uso nelle miniere saranno adattati e adottati per la raccolta dei fondi necessari per non lasciare sul lastrico le famiglie interessate dal ‘diktat‘ governativo. Tanto denaro e molto denaro per la bisogna verrà effettivamente raccolto e sarà la prova ‘tangente‘ e il convincimento totale ‘tangibile‘ dell’intera avventurosa vicenda.

 

 

L’effetto domino” verrà completato giorno dopo giorno con approcci e coinvolgimenti di volta in volta, persona dopo persona. I più intransigenti ripeteranno:

Ci definiranno pervertiti, state svergognando il sobborgo con la vostra alleanzacosì non dovete

fare”.

Lo strenuo ardire dei giovani ragazzi man mano li condurrà in quella stessa direzione e le scoperte veramente estreme del sapere sessuale – non confacenti alla ‘big(i)otteria currently‘ – faranno scoprire Loro aspetti della vita intima ed interiore del tutto inaspettate e sconosciute.

L’orgiastica scenafallica‘ tra disegni ed ‘oggetteria‘ di varia ‘oggettistica‘ di genere rappresenterà quanto e come tanta amena società ‘dis-conoscesse’   ‘i piaceri’ del talamo in ogni suo variegato genere’. Lo spauracchio dell’Aids e la Guerra delle Falkland artatamente calate in piazza dai Media compiacenti al Governo inglese non faranno breccia per arginare la ‘focositàfaziosa dei gruppuscoli armati solo d’amore e di gioia.

I coinvolti ‘embedded’ concluderanno a loro favore la ‘surreale‘: mai in altri luoghi rivisitata   originale avventura. Trattandosi di fatti realmente accaduti l’intera vicenda in chiave positiva è passata alla Storia in maniera del tutto inaspettata nei fatti e nei personaggi. Non solo i proletari si sono uniti, in special modo i sotto-proletari e i ghettizzati per coronare ed onorare una memorabile impresa.

Di Lacordaire a conclusione: “La Preghiera è l’atto onnipotente che mette le forze del cielo a disposizione degli Uomini”.

 

E, di Taylor: “Il Mondo non conosce nulla dei suoi più grandi Uomini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *