Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

il gruppo dell’incanto domenica 11.01 alla gambarina

incantoRASSEGNA “NEBBIA E MUSICA” 2015 (VI Edizione)

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

MUSEO DELLA GAMBARINA DI ALESSANDRIA
RIMG2818

Primo appuntamento

Domenica 11 Gennaio 2015
Il Gruppo dell’Incanto

nel concerto “Il bambino della Cittadella”
Primo appuntamento dedicato alla nostra Cittadella, quello che apre “Nebbia e Musica” di quest’anno, la rassegna di ampio richiamo della domenica pomeriggio alla Gambarina.

Gli “Amici del Museo della Gambarina”, in collaborazione con la Biennale di Poesia, intendono contribuire a mantenere viva l’attenzione sul nostro monumento senza dubbio più importante e lo fanno con il teatralconcerto che il Gruppo dell’Incanto sta in questi mesi proponendo in varie sedi, a seguito della pubblicazione su libretto e cd del lavoro intitolato, appunto, Il bambino della Cittadella.

Si tratta di una narrazione attorale con musiche e canzoni di argomento autobiografico, ma non solo: dall’iniziale racconto della ripresa di vita civile attorno ai bastioni della fortezza nei primi anni del secondo dopoguerra, quando gli antri divennero anche abitazioni di fortuna per diverse persone, il discorso torna a questa nostra città di cui si ripercorrono alcuni momenti decisivi, fino all’alluvione del ’94 e al presente piuttosto problematico e difficoltoso. Non mancano, nel lavoro del Gruppo dell’Incanto, citazioni e richiami illustri come quelli a Dante e all’Ariosto, o alle vicende di portata continentale che interessarono e coinvolsero Alessandria, quali lo scontro fra le nuove realtà comunali italiche e l’impero del Barbarossa o quello di Marengo fra Austriaci e Francesi.

Raccontare e cantare della nostra Cittadella come occasione, insomma, per raccogliere il passato e per guardare al futuro.

Per il Gruppo dell’Incanto saranno in scena Daniela Desana e Serafina Carpari (rispettivamente attrice e cantante), Aldino Leoni (autore dei testi) e i musicisti Gino Capogna, Andrea Negruzzo, Mario Martinengo e Giorgio Penotti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *