Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

TOP PLAYER

IMG_0776Cosa deve fare ancora Marconi per meritarsi un coro della Nord?
È questa la domanda che la settimana scorsa, un tifoso, ha pubblicato sul gruppo di facebook della Gradinata Nord.
Molte volte infatti si da per scontata la prestazione di alcuni elementi, i gesti di giocatori che sono qui già da un po’. E si dimentica. Si, lo avete dimenticato. Avete dimenticato quando è arrivato qui questo ragazzo. Avete dimenticato quanti pregiudizi e quante critiche avvolgevano la sua figura prima che fruttassero le sua prestazioni. Avete dimenticato quando e come avete fatto silenzio davanti ai suoi gol, davanti alla sua energia, davanti al suo entusiasmo. Avete dimenticato quanta inutile e ignorante insicurezza ruotava intorno al suo nome pronunciato da ‘noi Grigi’. Perché si parla tanto di riscatto, si parla tanto di voglia di cambiare, di voglia di ritornare grandi, quando si dimenticano i mattoni che si hanno faticosamente posizionato? Ci rendiamo forse conto dei progressi che questo ragazzo, nel giro di due anni, ha fatto? L’hanno scorso ha segnato dieci gol. È stato il capocannoniere dell’Alessandria. Quanta gente invidia quel titolo? Da quanti anni e quanti giocatori hanno puntato a raggiungere quell’epiteto? E solo i migliori ci sono riusciti. Perché allora non si inizia a considerare questo ragazzo come una conferma, come una certezza, come quella pedina importante, come quell’asso nella manica. Perché corre e si spreme, tanto. Forza Michele, non mollare, aiutaci con la tua immensa forza a portarci in alto e a riportarci la luce, crediamo in te. Ci crediamo davvero tantissimo.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *