Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

alessandria strapazzata dall’albinoleffe: 2-0 senza storia

(123)Sul campo della penultima in classifica, netta sconfitta dell’Alessandria, superata per 2 – 0 da una squadra che, fino ad ora, aveva vinto una sola partita, aveva registrato ben 5 sconfitte ed aveva realizzato la miseria di due gol.  Emblematico il commento del Presidente Di Masi postato su Facebook: “”Scusate ma sono troppo incazzato per dire qualcosa. Direi sicuramente qualcosa di cui rischierei di pentirmi in futuro. Abbiamo sbagliato l’impossibile. Vogliamo 11 leoni e stasera non so dove fossero. Dovranno dimostrarmi di esserlo con i fatti, in campo. E basta. Basta scuse, basta partite come quella di stasera. Basta.”  Un’Alessandria inguardabile, lenta, compassata, senza idee e senza gioco: il passivo avrebbe potuto essere anche più pesante! Gli errori, veramente gravi, della difesa hanno favorito le reti avversarie, ma tutta la squadra è stata inesistente. Non basta essere “undici leoni”: bisogna essere all’altezza della categoria, perché molte lacune non si possono colmare solo con la grinta (che oggi non si è proprio vista). Anche se, è vero, che l’Orso, lontano dal Mocca, diventa un “agnello sacrificale”. Significativa anche la contestazione, a fine gara, all’indirizzo degli uomini di Mister D’Angelo (per l’occasione con una orrenda maglia giallo – nera) da parte dei tifosi che avevano affrontato la trasferta e che avrebbero meritato maggiore rispetto.  Mister D’Angelo diventerà sicuramente il capro espiatorio dopo questa ennesima figuraccia, ma siamo sicuri che la colpa sia solo e principalmente sua? Siamo sicuri che gli uomini a sua disposizione siano all’altezza della categoria? Le tante illusioni dell’estate si scontrano con la realtà di un autunno di grigia mediocrità. E’ il momento di guardare in faccia la realtà, di mettere da parte le illusioni e le frasi di circostanza, di valutare i necessari provvedimenti per completare una rosa che appare sicuramente deficitaria… e di fare qualche autocritica.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *