Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

possiamo entrare nella top five

(327)Silvio , dopo i pareggi con Pavia e Lumezzane, sembra che l’Alessandria non sappia più vincere…

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

In realtà, si tratta di due partite molto diverse: la prima sarebbe probabilmente stata vinta se i grigi fissero rimasti in parità numerica fino alla fine. Nella seconda si è invece difeso il pareggio contro una squadra che aveva la metà dei nostri punti in classifica.

 

A questo punto sorge spontanea una domanda: quanto è forte questa Alessandria?

Per quello che si è visto sino ad ora e per la qualità delle antagoniste, sono convinto che i grigi possano rientrare non solo nella metà nobile della classifica ma, addirittura, nella top five: questo, però non significa che non ci siano dei problemi.

 

E quali sarebbero questi problemi?

Sicuramente c’è una questione di adattabilità di un certo tipo di modulo alle caratteristiche dei giocatori.

 

Puoi fare qualche esempio?

Se vuoi giocare sulle fasce con due uomini che siano in grado di difendere, di correre ed infine di andare anche al cross, devi averne le caratteristiche: e pare che contro il Lumezzane, sotto questo profilo, siano emersi tutti i limiti di due ottimi elementi come Mora e Spighi in fase di copertura. A destra mi pare infatti che non ci sia nessun uomo in grado di coprire l’intera fascia, mentre a sinistra l’unico può forse essere considerato Nicolao, essendo Mora troppo offensivo e Sabato troppo difensivo.

 

E in altri settori del campo?

Il centrocampo è certamente ancora da registrare con Mezavilla, Obodo e Valentini che devono trovare la giusta collocazione e l’emergente Vitofrancesco che sta conquistando spazio.

 

Resti comunque fiducioso?

Gli uomini di assoluta qualità ci sono, basti dire che Nordi si sta dimostrando un gran portiere e che Guazzo è esploso.

 

Ma proprio tu, non avevi manifestato delle perplessità su Guazzo?

Sono quelle valutazioni che, da tifosi, non si può che essere felici di avere sbagliato. Con la speranza che Guazzo continui così fino alla fine.

 

Diamo uno sguardo alle antagoniste: come ti sembra questo campionato?

Francamente, ancora molto enigmatico, in quanto le prime giornate hanno sparigliato molto le carte e, soprattutto nella metà alta della classifica, c’è ancora molta incertezza.

 

Cosa vuoi dire?

Formazioni come il Pavia e il Como, che sembravano avere una marcia in più, hanno perso, mentre si stanno maggiormente imponendo le venete (segnatamente Bassano, Real Vicenza e Venezia) e sta venendo fuori, come prevedibile, il Novara.

 

Guardiamo comunque con fiducia al futuro?

Più che mai, perché i valori li abbiamo e la concorrenza non è priva di punti deboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *