Hurrà Grigi

Quindicinale di calcio e non solo

A proposito di Alessandria – Novara

DSC_4632Un po’ di amarezza c’è nell’aria, perché ci sono state opportunità non sfruttate al massimo. Il rigore, sicuramente è una di quelle, ma ci sono almeno altre tre quattro azioni pericolose non andate a buon fine. Come descrivere questa partita? Marconi e Nordi. Oramai gli aggettivi li facciamo passare di moda. Sì, Marconi, proprio lui. Quel ragazzo che appena è arrivato abbiamo squadrato un po’ tutti. Quel ragazzo che..” Ma come si fa, ha segnato una decina di gol in tutta la sua carriera e fa l’attaccante”. Quel ragazzo su cui era impensabile, guardando il suo curriculum, basare una ristrutturazione di un collettivo modo di pensare e di giocare secondo ‘gli esperti allenatori alessandrini’. E invece eccolo lì. Pimpante, energico, pronto, tosto, grintoso. Correva come un matto, saltava, recuperava palloni di testa, di piede, destro, sinistro. L’uomo partita, l’uomo che ci ha regalato il gol di un pareggio davvero troppo importante. E dopo quel gol abbiamo anche rischiato di vincere la partita. L’altro nome è sicuramente Emanuele Nordi. MA CHE PORTIERE SIGNORII!
Altro che spiderman, questo qua vola come un aeroplano! Ha tolto palloni da tutte le zone della porta, che si trovasse su calcio d’angolo, su punizione o a tu per tu con Gonzales o chi per esso. Si sapeva fosse un buon portiere, ma ogni volta che salta ci lascia a bocca aperta.
Capitolo Guazzo: il ragazzo non è ancora al meglio di sé, noi lo aspettiamo, consapevoli delle sue capacità ma anche vogliosi di vederle mettere in pratica. Probabilmente che da questa domenica possano ritornare in campo Ferrani e Mora, due pilastri fondamentali per un modulo come il nostro. Tutto ciò, è stato però coronato con uno stadio da brividi. Una nord calorosa più che mai, emozionante, toccante. Il clima perfetto, insomma.
Ora però crediamo in questi ragazzi fino alla fine, ogni giorno di più, ci possono dare tanto. E domenica tutti a Monza, altra trasferta, altra avventura. Giana Erminio, l’orso grigio sta arrivando!

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *